Parole per lavoro

Colloquio scientifico sull’impresa sociale

Il 22 e 23 maggio 2015 presso il Dipartimento PAU (Patrimonio, Architettura, Urbanistica) dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria si è tenuta la Nona edizione del Colloquio Scientifico sull’impresa sociale. Qui è possibile visionare il programma della due giorni.

Da poche ore Iris Network ha postato e reso disponibile alla comunità del web, come è sua consuetudine, i paper degli interventi presentati. A questo link è possibile accedere all’elenco delle relazioni, oltre che all’intera banca dati di conoscenze ed esperienze per l’innovazione nell’imprenditoria sociale.

 

Qualcosa che unisce

C’è tanto, ma tanto da vedere, da scoprire, da visitare. Storie intense, sguardi autentici, storie crude e genuine.

Comunicazione come va fatta, video come piacciono a noi di Responsàbilmèdia.

Si tratta di chiediloaloro.it, il sito dedicato alla campagna 2014 della Chiesa cattolica per l’8xmille. Una campagna esemplare, per qualità dei contenuti, per completezza e mulimedialità, per capacità di coinvolgimento. Il filo conduttore è “qualcosa che unisce“. Vi consiglio di fare come me: ogni tanto guardare qualche video, sfogliare qualche storia, scoprire il reportage di qualche fotoreporter emergente.

Gli Archivi del Cinema d’Impresa

Da Rai Educational, per la serie Gli archivi d’Italia, vi segnalo Gli Archivi del Cinema d’Impresa, un’approfondito documentario della durata di 28 minuti circa sulla storia del cinema documentario (lo possiamo davvero classificare così) dedicato all’industria.

Gli esordi di Ermanno Olmi che già offriva il suo sguardo poetico, la visione di Bernardo Bertolucci. La chiusura dei finanziamenti e l’affievolirsi della qualità filmica e narrativa.
E poi, di nuovo, gli investimenti nel carosello prima e negli spot poi, che hanno tolto tanto spessore; diciamo pure eliminato il racconto di quel che c’è dietro un prodotto o un servizio.

Molto, molto interessante: da mostrare a tutti i responsabili comunicazione e ai decisori per aiutarli a comprendere quali siano ancor oggi, in verità, le potenzialità del video industriale progettato e prodotto con la testa e con il cuore. Una nicchia che ancora può rivelarsi – con le dovute proporzioni di “genio” e di budget, naturalmente – un’occasione per raccontare la storia della genialità di uomini e donne che si esprimono con il loro lavoro.

Cooperative di comunità

Scade oggi il bando lanciato dal Dipartimento di Scienze Aziendali dell’Università di Bologna per l’assegno di ricerca ”Territorio e persone come risorse: le cooperative di comunità”. L’obiettivo sembra essere quello di osservare il fenomeno – per la mia sensibilità molto stimolante – per provare a creare un modello che possa essere replicato. Continua…

Comunicare senza discriminare

“Il killer era autistico”.
Può essere questa la spiegazione della strage di bambini in una scuola del Connecticut?
[...] un titolo frettoloso rimbalzato ovunque grazie alla comunicazione istantanea, dalle agenzie di stampa ai quotidiani online ai Tg. E ancora sui social network, sui blog, sui cellulari, al bar e in ufficio, con la potenza di fare arrivare un’informazione distorta a un numero elevatissimo di persone. In pochi minuti si possono compromettere anni di lavoro contro i pregiudizi e per l’inclusione sociale e creare grande sofferenza a persone già duramente provate.

 

Inizia così l’Introduzione a Parlare civile: comunicare senza discriminare. Continua…

Fifteen for fifteen

Qualche giorno fa ho ricevuto (e immagino anche molti di voi) una gradita newsletter con questo titolo.
Il mittente? Mozilla project, che il 31 marzo ha festeggiato 15 anni di attività raccontando in questa cronologia 15 fatti importanti della propria storia.

Mozilla exists to promote openness, innovation and opportunity on the Internet. We’ve been doing it for 15 years and the following 15 facts offer a look at who we are, including some of our biggest achievements and milestones. But in some ways we’re just getting started, exploring new technology, entering new areas and reaching new users every day.

Continua…

The Shoemaker

Frank Catalfumo is a 91 year old shoemaker and repairer in Bensonhurst, Brooklyn. He first opened the doors to F&C Shoes in 1945 and continues to work five days a week alongside his son Michael.

Il valore dell’inserimento lavorativo

E’ stato di recente pubblicato sul numero zero della rivista Impresa sociale un saggio che si presenta ricco di approfondimenti, dati, proposte.
Si tratta di Il valore creato dalle imprese sociali di inserimento lavorativo. Argomento molto utile per chi, come me (ma sono in buona compagnia), si interessa di impresa sociale e di come valorizzarne l’impatto positivo sulla società. Per sensibilità e per esperienza sia io che te sappiamo bene che gli indicatori sono una leva fondamentale. Da sempre ci scervelliamo su questa tematica. Proviamo allora a consultare questo lavoro generoso, opera di Elisa Chiaf (Università di Brescia e centro studi Socialis).

Continua…

Inclusive Wealth Report 2012

L’European Research Institute on Cooperative and Social Enterprises (Euricse) promuove la ricerca all’interno del mondo delle imprese sociali. Numerose sono le iniziative organizzate direttamente da Euricse in Italia, e in particolare in Trentino.
Proprio a Trento non molti giorni fa, il 14 febbraio presso la Facoltà di Economia di Trento, direttamente dall’Università di Cambridge Sir Partha Dasgupta ha tenuto una Lectio magistralis con il seguente titolo: “la vera ricchezza delle nazioni: per un pianeta sostenibile, una società giusta e un’economia in crescita”.

Res-pon-sà-bi-le

Dal latino: [respondere] rispondere, composto di [re] indietro e [spondere] promettere, più il suffisso [-bile] che indica facoltà, possibilità.

Parola complessa, di importanza capitale. Essere responsabile potrebbe essere un “assumiti le tue responsabilità!”, riferita al maschio farfallone e indeciso, alla giovane evasiva e frivola. Ma la connotazione originale parla chiaro, con una profondità tanto ulteriore.
La responsabilità è l’attitudine a rispondere. Non la sfacciataggine della battuta pronta, ma la capacità di rispondere reagendo alla situazione della vita in cui ci si trova. Non il vitalismo bruto da legge della giungla, ma l’inclinazione di tenore ieratico a fare la propria parte. Continua…

 Scroll to top